Ci troviamo nelle Marche, precisamente a Macerata. Si tratta di una villa unifamiliare dal gusto moderno, a tratti essenziale, dove il buon gusto e l’eleganza regnano accanto a una distesa di bianco candido misto al calore chiaro del legno.
Lo spazio e luce sono state le due variabili cardine del progetto. Lo spazio principale della casa è costituito da un open space dalle discrete dimensioni, illuminato da una grande porta finestra attigua alla porta d’ingresso, e da alcuni lucernari ricavati nel soffitto e posti in diversi punti della stanza. La sensazione di luminosità si accentua grazie alle pareti bianche e ai molteplici arredi della stessa tinta. La percezione di raffinatezza e di accoglienza viene risaltata anche grazie al parquet in rovere naturale che dona un preziosissimo tocco di calore e colore. In questo unico spazio convivono tre diverse aree compreso un piccolo disimpegno all’ingresso, dove è stato ricavato un guardaroba nascosto da due ante rivestite con una tela dipinta. Si tratta del salone, della cucina e dell’area pranzo, al centro dei quali si sviluppa la rampa di scale che conduce al primo piano. Esattamente di fronte le scale, c’è una porta d’accesso che conduce ad un’area nascosta della casa, dove troviamo l’accesso al garage oltre che un bagno.
Appena varcata la soglia d’ingresso, sulla sinistra si sviluppa il salone dove i veri protagonisti sono costituiti dai rivestimenti. Mentre le restanti pareti sono tinte di bianco, quella che interessa quest’angolo è invece rivestita di legno. Si tratta dello stesso parquet che risale lungo la parete e che prosegue fino al soffitto. Al centro di questa parete poi, un struttura bianca in cartongesso retroilluminata accoglie il pensile, il mobile TV e il telo per la proiezione. Sulla destra del pannello, un dettaglio cerca di passare inosservato. Si tratta di una porta d’accesso magistralmente mimetizzata nel legno della parete, che conduce ai servizi e al garage.
La scala assume un ruolo da protagonista nell’arredo. Questo elemento infatti, sembra nascere dal pavimento e mano a mano creare i diversi gradini. Dà l’impressione di essere un unico blocco e un tutt’uno con il parquet. La seconda rampa invece si presenta completamente diversa: solo i gradini sono rivestiti da un sottile strato di parquet, mentre il resto della struttura è stata realizzata in muratura e tinteggiata di bianco. Infine, dei parapetti in cristallo donano stile alla struttura impedendo alla luce di illuminare solo l’ingresso.
La cucina è il regno del bianco. Dallo stile minimal e delicato, interamente costruita su misura, è costituita da blocchi geometrici, talvolta incassati a muro, che ben si addicono alla forma dei lucernari che li sovrastano. Le pareti qui sono state tinte di grigio antracite, un binomio da sempre indice di eleganza e raffinatezza.
La cura nei dettagli incontrata nella zona giorno, la si ritrova con la stessa piacevolezza anche nel bagno. Il mobile lavabo, realizzato artigianalmente, presenta delle linee nette e pulite, così come i sanitari. Il vano doccia presenta un’intera parete rivestita di pietra illuminata da tre faretti, oltre che da un lucernario laterale, mentre un pannello in cristallo che si protrae per due terzi della lunghezza della doccia, protegge il resto del bagno dagli eventuali schizzi. Una soluzione raffinata, utile, ma anche estremamente funzionale dal momento che l’unica fonte di luce naturale si trova al di là del pannello stesso.



Piante

 


Location: Macerata
Progettazione: Federico Pisani
Completamento: 2013